e-Visa India 🇮🇳

Turismo / Affari / Medicina / Conferenze / ONG

Dal 2015, per l'India è attivo un sistema elettronico di emissione dei visti, inizialmente chiamato "e-Tourist Visa" e successivamente ribattezzato "e-Visa", operativo in 5 porti e 31 aeroporti sul territorio indiano. Nel 2019, i visti elettronici sono diventati ancora più flessibili, consentendo soggiorni in India fino a 90 giorni (Turismo) o addirittura 180 giorni (Affari).

Per un termine improprio, è anche conosciuto come 'Visto all'arrivo', anche se l'e-Visa deve essere richiesto prima di imbarcarsi sull'aereo per l'India e non viene rilasciato un e-Visa sul posto. Tutto si svolge interamente online, non deve inviare nulla per posta e non deve viaggiare. Una volta completata e pagata la domanda, dovrà inviare le fotocopie del suo passaporto e una fototessera. Riceverà quindi un'autorizzazione al viaggio in formato PDF, che dovrà stampare e presentare all'aeroporto di arrivo per far apporre il visto definitivo sul passaporto e rilevare le impronte digitali.

Il visto elettronico è valido per i richiedenti in possesso di un passaporto valido per almeno 6 mesi dalla data di arrivo per ogni soggiorno in India. Per questi visti elettronici non è richiesta la registrazione presso il FRRO (Foreigners Regional Registration Office).

Avviare una richiesta di visto elettronico India

Tariffa singola di 39 € per passeggero
Escluse le tasse consolari, se applicabili


Domande frequenti sul visto elettronico per l'India

I cittadini francesi che desiderano viaggiare al di fuori dell'Unione Europea devono ottenere un visto per poter entrare legalmente nel Paese desiderato. Il visto, elettronico o più tradizionale, viene rilasciato dalle autorità competenti del Paese in cui ci si vuole recare e costituisce la prova dell'autorizzazione a visitare quel Paese per un periodo di tempo specifico, generalmente 90 giorni.

Se ha intenzione di visitare l'India, dovrà ottenere un visto elettronico prima ancora di arrivare nel Paese.. Nel 2015 è stato introdotto un sistema elettronico di rilascio dei visti per l'India, per facilitare l'accesso delle persone al territorio indiano attraverso molteplici punti di ingresso (porti e aeroporti, nessun punto terrestre).

A partire da marzo 2019, i visti elettronici per l'India sono diventati più flessibili e ora consentono ai viaggiatori di visitare l'India per soggiorni a ingresso singolo o multiplo e di soggiornare fino a 90 giorni alla volta per turismo e fino a 180 giorni per affari. Se desiderate richiedere un visto elettronico per l'India, Visamundi può assistervi grazie alla sua esperienza nella gestione delle richieste di visto da parte di professionisti e privati. Compilando il modulo per il visto elettronico per l'India disponibile sul nostro sito web, potrete facilmente ottenere, grazie ai nostri servizi, il vostro visto elettronico per viaggiare in India.

Quali sono i criteri di ammissibilità per ottenere un e-Visa India?

Tutte le nazionalità sono coperte dal visto elettronico per l'India. Solo i cittadini nepalesi e bhutanesi hanno bisogno di un visto cartaceo "tradizionale ". Se siete cittadini francesi, potrete accedere al visto elettronico per l'India come gli altri cittadini di altri continenti, ad eccezione dei viaggiatori di origine pakistana che potrebbero incontrare difficoltà nell'ottenere un visto elettronico dalle autorità indiane.

Il visto elettronico per l'India viene rilasciato principalmente per viaggi turistici e d'affari, ma anche per viaggi medici o per partecipare a una conferenza come ricercatore. Il visto elettronico per l'India è disponibile in diverse forme: e-Tourist Visa, e-Business Visa, e-Medical Visa e e-Conference Visa.

  • Il visto turistico elettronico è per soggiorni a ingresso singolo ed è valido da 30 giorni a 5 anni dalla data di ingresso; è necessario entrare in India entro 30 giorni dal rilascio.
  • L'e-Visa Business consente ai viaggiatori di usufruire di soggiorni multipli fino a 180 giorni per 1 anno dalla data di emissione dell'e-Visa.
  • Il visto medico elettronico consente ai pazienti e agli accompagnatori fino a 3 ingressi per un massimo di 60 giorni di permanenza cumulativa. Dalla data di emissione del visto elettronico, avrete 120 giorni di tempo per entrare in India.
  • Il visto elettronico per conferenze consente un ingresso in India per un massimo di 30 giorni. Avrete inoltre 120 giorni di tempo per entrare in India dalla data di emissione.

Per ottenere un visto elettronico per l'India in qualità di cittadini francesi, è necessario avere con sé un passaporto con una validità di almeno 6 mesi dalla data di arrivo per ogni soggiorno in India. Inoltre, per ottenere un visto elettronico per l'India non è necessaria la registrazione presso l'Ufficio regionale di registrazione degli stranieri(FRRO). Le impronte digitali saranno rilevate direttamente all'arrivo dalle autorità competenti, dopo che il visto definitivo sarà stato apposto sul passaporto.

Come si ottiene un visto elettronico per l'India su Visamundi ?

Rispetto a un visto tradizionale, un e-Visa India offre molti vantaggi per facilitare l'elaborazione della domanda di visto. Grazie al modulo e-Visa disponibile sul nostro sito web, potrete completare tutte le procedure necessarie online, senza dovervi recare all'Ambasciata indiana per finalizzare la vostra domanda.

Per ottenere il vostro e-Visa India, vi consigliamo di compilare un modulo di domanda sul nostro sito web, completo e intuitivo, che faciliterà notevolmente la realizzazione del vostro progetto. La fotocopia del passaporto e una fototessera saranno inviate solo dopo che la domanda di visto sarà stata completata e pagata. Una volta ottenuta l'approvazione delle autorità indiane, vi invieremo un'autorizzazione al viaggio in formato elettronico (PDF), che dovrete stampare e presentare all'arrivo in uno dei possibili punti di ingresso (porti o aeroporti).

Sebbene i tempi per l'ottenimento di un visto elettronico per l'India siano piuttosto rapidi, sarà possibile richiedere un visto elettronico solo se il viaggio avrà luogo più di 5 giorni dopo la richiesta. Si noti che la validità del visto elettronico per l'India decorre solo dalla data di arrivo in India, non dal momento del rilascio del visto elettronico.

Tutti i documenti necessari per completare la domanda di visto elettronico per l'India saranno caricati direttamente online, senza alcuna procedura postale. Una volta compilato il modulo, non dovrete far altro che inviarci i vostri documenti affinché possiamo controllarli prima di inviarli alle autorità indiane. I documenti in questione sono una fotocopia del passaporto valido per almeno 6 mesi dall'arrivo in India e una fototessera. Per il Business e-Visa, dovrete inviarci un biglietto da visita, mentre per il Medical e-Visa dovrete inviare un invito da parte dell'ospedale in cui verrete curati.

Quanto costa un visto elettronico per l'India?

Nel nostro modulo di richiesta del visto elettronico per l'India, troverete un listino prezzi chiaro e dettagliato, che vi mostrerà il prezzo delle diverse opzioni di visto elettronico disponibili per entrare in India. Il prezzo di un visto elettronico per l'India dipenderà dal tipo di visto elettronico scelto, tra il visto turistico, il visto per affari, il visto per motivi medici e il visto per conferenze. I prezzi indicati nel nostro listino prezzi includono le spese consolari delle autorità indiane e le nostre spese di servizio per l'assistenza proposta.

Quali documenti sono necessari per richiedere un visto elettronico per l'India?

Per richiedere un visto elettronico per l'India, è necessario fornire i seguenti documenti:

  • Fotocopia del passaporto valido almeno 6 mesi dopo l'arrivo
  • Fototessera
  • Business : biglietto da visita
  • Medico: invito dall'ospedale
  • Conferenza: autorizzazione politica

Altri documenti possono essere richiesti a seconda del motivo del viaggio in India.

Un e-Visa India può essere esteso?

Il visto e-Tourist non può essere esteso o cambiato in altri tipi di visto. Questo è riportato sul documento. Per richiedere un visto regolare è necessario rivolgersi all'ufficio immigrazione locale.

Per richiedere un nuovo visto elettronico, è necessario trovarsi fuori dall'India. Questo perché richiede l'attivazione presso i centri di immigrazione autorizzati.

Devo registrarmi presso l'FRRO al mio arrivo in India?

Non è necessario registrarsi presso il FRRO (Foreigners Regional Registration Office) per questi visti elettronici, e le impronte digitali saranno prese all'arrivo.

Quanto costa un visto per l'India?

Il costo di un visto turistico di 30 giorni per l'India è di circa 25 dollari di tasse consolari. Questa tariffa può essere ridotta di 15 dollari durante la bassa stagione, tra aprile e giugno. Esistono tariffe diverse per i vari visti elettronici: turistico, d'affari, medico.

Per coloro che desiderano richiedere un visto da soli, occorre notare che qualsiasi errore sui moduli di richiesta del visto o una compilazione errata del modulo può comportare il rifiuto del visto o il rilascio di un visto non valido. Le autorità indiane non rimborsano mai le tasse consolari, nemmeno in caso di rifiuto.

Il visto elettronico indiano consente di visitare tutto il Paese?

È una leggenda che ha una lunga vita: è possibile viaggiare ovunque in India con un visto elettronico.

Tuttavia, alcune aree richiedono una registrazione aggiuntiva, sia a livello locale che su Internet(e-FRRO). Questo vale anche per un visto classico. È previsto un costo aggiuntivo moderato. Queste aree includono il Sikkim, il confine con il Pakistan, Leh o le isole Andamane e Nicobare.

Per quanti giorni posso rimanere in India con un visto?

In generale, le opzioni più comuni di durata del soggiorno per il visto turistico elettronico per l'India sono

  1. Visto elettronico a doppio ingresso di 30 giorni: è possibile soggiornare in India per 30 giorni dalla data di ingresso, con uno o più ingressi autorizzati.
  2. Visto elettronico per ingressi multipli di 1 anno: è possibile soggiornare in India per 365 giorni dalla data di emissione, con uno o più ingressi autorizzati.
  3. Visto elettronico a ingresso multiplo di 5 anni: è possibile soggiornare in India per 5 anni dalla data di emissione, con uno o più ingressi autorizzati.

È importante notare che la durata di validità del visto elettronico per l'India non significa la durata totale del soggiorno in India. La durata effettiva del soggiorno dipenderà dallo scopo del viaggio e da eventuali altre condizioni legate al visto.

Quanto tempo ci vuole per ottenere un visto indiano?

Attualmente, il tempo medio per ottenere un visto elettronico è di 4 giorni. Si consiglia ai viaggiatori di fare domanda con un certo anticipo, soprattutto durante le vacanze indiane e l'alta stagione.

La data di uscita indicata sul mio visto per l'India non è quella giusta, cosa devo fare?

Non esiste una"data di uscita" indicata su e-Visas per l'India. Esiste una"data di scadenza", ovvero la data prima della quale è necessario entrare in India per attivare il visto elettronico.

Se avete ottenuto un visto elettronico di 30 giorni, i 30 giorni decorrono dal momento in cui passate attraverso l'immigrazione indiana. Il visto elettronico di 30 giorni può essere rilasciato solo entro 30 giorni dall'arrivo in India.

Quali nazionalità sono esenti dall'obbligo del visto per l'India?

Ci sono 3 nazionalità esenti dall'obbligo di visto in India: Bhutan, Nepal e Maldive. Si consiglia vivamente ai pakistani di non richiedere il visto elettronico.

Il visto elettronico è gratuito (senza spese consolari) per i cittadini dei seguenti Paesi Argentina, Isole Cook, Figi, Indonesia, Giamaica, Kiribati, Isole Marshall, Mauritius, Micronesia, Myanmar, Nauru, Niue, Palau, Papua Nuova Guinea, Samoa, Seychelles, Isole Salomone, Sudafrica, Tonga, Tuvalu, Uruguay e Vanuatu.

Giapponesi, sudcoreani ed emiratini possono richiedere il visto all'arrivo.

Quali motivi di soggiorno sono ammissibili per un e-Visa India?

Il visto elettronico per l'India è disponibile per i viaggiatori stranieri che desiderano entrare in India per i seguenti motivi

  1. Turismo: per vacanze, visite in famiglia o attività ricreative, trekking, yoga, ayurveda, crociere, ecc.
  2. Business: per riunioni di lavoro, conferenze, delegazioni commerciali, attività di e-commerce, ecc.
  3. Medico: per cure mediche, trattamenti, consulenze, ecc.
  4. Lavoro umanitario e volontariato: per attività di beneficenza, missioni umanitarie, attività di volontariato, ecc.

Quali sono i punti di ingresso e di uscita consentiti?

I punti di ingresso e di uscita consentiti per il visto elettronico indiano dipendono dal tipo di visto richiesto. In generale, i punti di ingresso autorizzati comprendono gli aeroporti internazionali e i principali porti marittimi.

È importante verificare i punti di uscita autorizzati (molti di più di quelli di entrata, compresi i punti terrestri) per il suo tipo di e-visa prima di pianificare il suo viaggio in India. Può trovare queste informazioni sul sito web dell'ambasciata indiana o su siti web dedicati.

Come fare una foto standard per il visto per l'India?

Ecco i requisiti per le foto del visto India:

  1. Dimensioni: la foto deve misurare 2 pollici x 2 pollici (51 mm x 51 mm).
  2. Qualità: la foto deve essere chiara e nitida, senza macchie, graffi, ombre o altri difetti.
  3. Sfondo: lo sfondo deve essere bianco o chiaro e uniforme.
  4. Espressione: l'espressione deve essere neutra, con la bocca chiusa e gli occhi aperti. Non si deve sorridere o fare smorfie.
  5. Posizione: la testa deve essere centrata e leggermente inclinata in avanti. Dovrebbe esserci uno spazio libero intorno alla testa e alle spalle.
  6. Pixel: La foto deve essere a colori e ad alta risoluzione. Il requisito minimo di pixel è 600 x 600.

Devo stampare il mio visto elettronico per l'India?

Le compagnie aeree o di navigazione chiedono un documento stampato per verificare i dati e per l'imbarco. Una volta arrivati in India, i funzionari dell'immigrazione si baseranno sul codice a barre stampato per confondere i dati del viaggiatore.

Decifrare un visto per l'India

India
  • Application Id: il numero della domanda di visto
  • Numero di passaporto: il numero di passaporto. Deve corrispondere a quanto scritto sulla pagina del passaporto contenente la foto. Questo è ciò che le aziende di trasporto controllano.
  • Stato della domanda: lo stato della domanda. Deve essere concesso
  • Numero ETA: il numero del visto elettronico.
  • Nazionalità: la vostra nazionalità
  • Tipo di visto: Sempre e-Visa
  • Nome del servizio: la categoria del visto, che di solito comprende molte sottocategorie non visualizzate.
  • N. di ingressi: numero di passaggi di immigrazione "in entrata" consentiti
  • Data di rilascio dell'ETA: data di rilascio del documento
  • Data di scadenza dell'ETA: data fino alla quale è possibile entrare in India per "attivare" il visto elettronico.
  • Attività consentite: Attività consentite in India. Tenete presente che l'agente probabilmente vi farà delle domande per confermare il motivo del vostro viaggio.

Quando devo rivolgermi a VFS Global per il mio visto per l'India?

Se si desidera presentare la domanda di visto online, è possibile farlo direttamente attraverso il sito web dell'Ambasciata indiana o attraverso il sito web di un'agenzia terza che ha familiarità con l'elaborazione di domande di visto elettroniche. Questa opzione può essere più conveniente per la maggior parte dei casi e per coloro che preferiscono gestire la procedura di richiesta del visto online e desiderano evitare viaggi e code.

Se preferite presentare la domanda di visto di persona, potete scegliere di passare attraverso VFS Global, che è accreditato per ricevere le domande di visto cartacee sul passaporto. Il Crla è destinato a viaggiatori con tipologie specifiche: soggiorni regolari di lunga durata, ingresso via terra, ecc. Si prega di notare che in questo caso i tempi di elaborazione potrebbero essere più lunghi, in quanto si tratta di un servizio locale.

Ambasciata dell'India in Francia, Belgio o Svizzera

L'Ambasciata indiana in Francia si trova a Parigi, nel 17° arrondissement, al 15, rue Alfred Dehodencq, 75016 Parigi. Il numero di telefono è (+33) 1 40 50 70 70 e il numero di fax è 01 40 50 09 96. L'ambasciata ha un'ala consolare al 20 di Rue Albéric Magnard, 75016 Parigi. L'India ha un consolato a Lione, situato al numero 2 di Rue Cavenne.

L'Ambasciata dell'India in Svizzera si trova al 9, Rue de Valais 1202 Ginevra; il telefono è (+41) 22-906 8686 e il fax - (+41) 22-906 8696. È aperto dalle 8:00 alle 16:00 tutti i giorni.

L'Ambasciata indiana in Belgio si trova a Chaussee de Vleurgat 217, 1050 Bruxelles. Il numero di telefono è (+32) 2-640 9140 (+32) 2-645 1850 e l'indirizzo e-mail è info@indembassy.be.

India: vaccini obbligatori e raccomandati

Vaccini consigliati

  • Epatite A
  • Epatite B: per soggiorni lunghi o ripetuti.
  • Encefalite giapponese: a partire dai 2 mesi di età, per gli espatriati o per coloro che soggiornano nelle zone rurali durante il periodo di trasmissione.
  • Malaria: trasmissione durante tutto l'anno in tutto il Paese, nelle regioni a meno di 2.000 metri sul livello del mare. - Gli Stati più a rischio sono quelli del nord-est, le Isole Andamane e Nicobare, Chhattisgarh, Gujarat, Jharkhand, Karnataka (ad eccezione della città di Bangalore), Madhya Pradesh, Maharasthra (ad eccezione delle città di Mumbai, Nagpur, Nasik e Pune), Orissa e Bengala occidentale (ad eccezione della città di Calcutta). - Non c'è rischio in Jammu e Kashmir, Himachal Pradesh e Sikkim, e la trasmissione è bassa nel resto del Paese.
  • Rabbia: se lasciato solo per lunghi periodi (bambini: non appena iniziano a camminare).
  • Febbre tifoidea: per soggiorni prolungati o in condizioni igieniche precarie (bambini a partire dai 2 anni).

India: restrizioni di viaggio per Covid-19

Informazioni aggiornate il 15/02/2024

India: queste restrizioni sono ancora in vigore

India: sono necessarie visite mediche per i viaggiatori?

Tutti i passeggeri sono soggetti a controlli sanitari prima della partenza e all'arrivo, come il controllo della temperatura e la valutazione visiva. Potrebbero essere richiesti ulteriori test sanitari per coloro che presentano i sintomi della COVID-19. Inoltre, i viaggiatori sono tenuti ad autocontrollarsi dopo l'arrivo e a segnalare eventuali sintomi.

In poche parole:
  • In questo paese non è richiesto il test PCR (ma potrebbe essere richiesto dalla compagnia aerea).
  • In questo paese non è richiesto alcun pass sanitario
  • Questo paese non richiede la vaccinazione Covid-19 per i viaggiatori in arrivo.
  • Non è richiesta la quarantena all'arrivo in questo Paese
  • Non è necessario alcun modulo sanitario per recarsi in questo paese.